domenica 29 maggio 2016

7 anni … Il mio bambino

Lei: Da grandi ti va se ci sposiamo?
Lui: Sì ma quando saremo all'università tu ricordamelo...

domenica 6 marzo 2016

Uno

Tu  che ci hai rapito dal primo istante... a tutti... 
tu che sei qui da un anno e che è come se in fondo ci fossi sempre stato... 
tu che non sei accomodante per niente ma hai un sorriso meraviglioso che ci mette tutti d'accordo... 
tu che ti sei conquistato il tuo spazio... il nostro tempo, le nostre attenzioni e il nostro cuore... 
tu che sei quel miracolo che risuccede ma che alla fine è completamente diverso
tu... la tua mamma ha tante mancanze nei tuoi confronti... mancanze legate al tempo sai... non di cuore... perché sai... è vero che l'amore si moltiplica ma purtroppo il tempo no... ma comunque ci sono... a camminare accanto a te mentre mi trascini per farmi vedere una tua nuova scoperta... ad abbracciarti tutte le volte che me lo permetti ... troppo poche a dir il vero... ma ti capisco sai ... tu hai da fare... e mica possiamo passare il tempo ad abbracciarci e basta... ad ascoltare i tuoi nuovi suoni mentre mi guardi soddisfatto ... a farti un mega applauso ogni volta che infili il cerchio nell'asticella giusta... ad aiutarti a salire i gradini che ti piacciono così tanto... 
Ecco ... 

sabato 19 dicembre 2015

Il vero conquistatore

Conquistatore si nasce…

Mamma posso portarmi un gioco a casa di Giorgia? 
Certo… Cosa ti vuoi portare?
Vediamo… un dinosauro!!!!
Da Giorgia???
Certo!!!

Conquistatore si nasce… e lui non c'è nato!!!

venerdì 18 dicembre 2015

Conflitti d'interesse

Mamma io ti amo tanto… tu sei la mia mamma e la maestra Grazia è la mia maestra… 

Prendi e porta a casa!


mercoledì 9 dicembre 2015

Sette

Sette anni di te tra noi…
la nostra è una grande storia d'amore… una storia che dura sette anni… anche di più… perché prima che tu fossi tra noi eri nella mia pancia e prima ancora eri nei nostri cuori…

Felici di essere i tuoi genitori… felici che tu piccolo angioletto abbia scelto la nostra casa per vivere questa stramba vita… orgogliosi di te … sempre… 

giovedì 16 aprile 2015

Essere mamma

Mamma è difficile essere mamma?

Sì è difficile… tanto…  ma bellissimo!

giovedì 26 febbraio 2015

Ci sono… ci siamo

Questo è uno spazio che è stato tanto importante per me durante i primi tempi della mia vita da mamma… mi ha aiutato a non vacillare più del dovuto… grazie al confronto e all'incontro… e ora che sta per succedere tutto di nuovo in modo diverso non voglio abbandonarlo… per me … per quello che sono stata e per quello che sarò… tutto è diverso ora ma anche incredibilmente uguale… non sono cambiate le paure… forse sono aumentate… c'è maggiore consapevolezza di quello che succederà… è vero… ma chissà…

Questo 2015 è iniziato con il più grande terremoto interiore che non avrei neanche lontanamente immaginato di poter mai vivere… sembrava tutto distrutto ma pian piano stiamo ricostruendo e facendo più belle tutte le cose… la devastazione iniziale è stata inondata di Grazia e Bellezza… qualcuno ci ha detto che doveva succedere… perché altrimenti non avremmo goduto di questo… non lo so… forse è davvero così!

Ho imparato che non si può dare niente per scontato… mai… e anche tutto il nuovo che verrà avrà queste importanti caratteristiche… lo stupore e l'amore!!!

sabato 27 dicembre 2014

Noi e loro

Nel paese accanto al nostro organizzano un presepe vivente meraviglioso nelle antiche rovine… bello bello… l'anno scorso Tatina c'è stata con una amica e con Bebè… purtroppo Tatino era di turno e non c'era… quest'anno si è replicato con lui… bello bello… suggestivo … al tramonto è una vera meraviglia… 

Tatina è entrata nel settimo mese… nonostante il pancione se la sentiva di fare una bella passeggiata… e poi la giornata meritava davvero… così è stato… bello bello… 

Con noi c'erano degli amichetti di Bebè con le loro famiglie… e questo è stato ancora più piacevole… vedere i bimbi che provano giochi antichi… ammirano le poiane… salgono sugli asinelli… accarezzano gli agnellini… scommettono su quale cavaliere centrerà l'anello… è uno spettacolo che riempie i cuori… perciò Tatina se l'è goduta… nonostante le salite e i vialetti un po' impervi…

Al ritorno sono andati a prendere la navetta che li riportava al parcheggione… c'era un po' di fila ed hanno aspettato la seconda navetta… all'arrivo della quale gli animi erano un po' agitati… Tatina si è portata avanti in modo da essere la prima a salire… senza passare avanti a nessuno… toccava a lei… giusto quei due passi in più… con lei c'era Bebè e altri due bimbi. Per questo qualcuno del gruppo ha chiesto di non spingere perché c'erano bambini e una donna incinta…

Risposta…

Se è incinta se ne deve stare a casa… i bambini… ambè i bambini a quest'ora dovrebbero starsene a casa…

Il tutto condito da un linguaggio volgare… insulti vari… una serie di parole orribili… e tanti occhi sgranati di bimbi attoniti…

La sottoscritta voleva sprofondare… e in parte l'ha fatto… è stata in silenzio nel suo cantuccio e mai avrebbe voluto che suo figlio vedesse tanta inciviltà… non crede di essere stata riconosciuta come la donna che in quanto incinta avrebbe dovuto starsene a casa… non ha voluto intervenire perché sa bene che contro l'ignoranza lei perderebbe mille a zero... perché sa che in questi casi è meglio non cadere nella trappola della cafonaggine… perché lei è una signora ed ama potersi distinguere da questa accozzaglia di grettitudine… perché in questi casi non serve neanche la discussione… manca la volontà di incontrarsi…

Peccato… perché l'esperienza era stata fino a quel momento molto piacevole…

Tatina si è domandata se è un buon posto per mettere su famiglia… alla fine si è detta di sì… tenendo sempre ben netta la differenza tra noi e loro!!! anche perché di belle persone ce ne sono… e non sono loro!!

domenica 14 dicembre 2014

Botta di vita

Sono le 2.30 di notte e Tatina sta in giro con la sua macchinina... non succedeva da una vita... è al volante... sì una vita fa capitava... quando ancora viveva con i suoi genitori…
la fermano i carabinieri e un po' si sente una fuorilegge... un po'...

Insomma una grande botta di vita... si potrebbe pensare!!!

Passo indietro...

Tatino fa il pomeriggio... ha lasciato come al solito la sua macchina a circa 20 km... dove c'è la fermata del treno che intorno a mezzanotte e mezzo lo riporta indietro...
Tatina prova ad aspettarlo... ma alla fine si mette il pigiama e si spara almeno 2 ore di sonno... quando intorno a mezzanotte e mezza il suo angelo custode la sveglia ... guarda il telefonino e trova due chiamate di Tatino e un suo messaggio... mi sono addormentato sul treno... sono a s.m.... sono soltanto (!!!) 18 km di statale... tranquilla me li faccio a piedi... arrivo tardi…

Tatina si sveglia... si spigiama... mette in carica il telefonino moribondo... si prepara in quel modo che intanto sai che tanto non incontrerai nessuno... si mette un berretto in testa... ha lavato i capelli ma non ha fatto nessun tipo di piega... perciò hanno quell'effetto meravigliosamente panettone... va in macchina per portare borsa e coperte... e dire che tre ore prima si era sigillata in casa per paura dei ladri... torna a casa e si carica il suo bimbo che sorride e le dà i baci... non ha i calzini... e neanche una sorta di ciabattescarpe... non importa... chiude tutto e via per 20 km di strada tra le colline... non incontra nessuno ... è iperconcentrata... va piano... il suo bimbo dorme accanto a lei... è ben legato ed ha una quantità industriale di coperte... tutto sotto controllo... le viene da ridere... lei col pancione... il suo bambino grande... le macchine che passavano davanti a casa... chissà... magari hanno pensato che se la stava dando a gambe nel pieno della notte... poi le viene da piangere... si sente sola... senza la possibilità di avere un aiuto famigliare... se la prende con sua mamma e con la sua scelta sconsiderata di andare a vivere nella grande isola... non riesce a mandarla giù... il fagiolino si muove... forse le vuol dire che è tutto a posto... respira profondamente... e si concentra... è arrivata al mare... lo vede... con la luna ben riflessa sull'acqua… il mare ha un meraviglioso effetto calmante… è casa… è famiglia… ecco Tatino che cammina sulla statale... 

Tutto è bene quel che finisce bene... ah! sì... i carabinieri… ovviamente prima fermano Tatino nella sua macchina… poi lei… ma Tatino ha già avvertito che quella dietro è la moglie… sì quella col panettone in testa… il berretto l'ha messo in testa al suo bimbo… teme sente freddo... la fermano… la guardano con fare compassionevole e la fanno andare… 50 metri e siamo a casa… tutti e quattro... tutto è passato!!!

martedì 9 dicembre 2014

6 … all'improvviso

Sono orgogliosa di te piccolo mio… orgogliosa di essere la tua mamma… 

Stai diventando grande… stai scoprendo la vita in modo armonioso… compatibilmente alla sensibilità che ti ha sempre contraddistinto… 
Ti appassioni… e ci tormenti finchè non hai sviscerato la tua curiosità in ogni sua angolazione…
Sorridi… e lo fai spesso… e io in quel momento capisco l'essenza della felicità… quella vera!!

Grazie tesoro mio… grazie Dio mio… 

martedì 2 dicembre 2014

Mattinata produttiva

Tatina non ci sta... ieri non è stata bene... troppo debole... troppe storie... troppe paranoie...

Ma lei non si arrende... crede nella forza della mente... crede fortemente che non se lo può permettere... non con un bimbo di quasi 6 anni ... un fagiolino di 6 mesi che sta prendendo il sopravvento sulla sua pancia... nessun nonno nei dintorni... con i primi zii a 80 km...

Perciò stamattina si è svegliata pimpante... ha stirato la tuta da ginnastica per il suo bimbo... ha preparato la colazione... e alle 8.10 ha lasciato il suo bimbo a scuola... ha scambiato due parole con le mamme... e poi ha deciso che oggi avrebbe recuperato tutti i giri saltati ieri...

- è tornata a casa per prendere l'occorrente... per litigare con la stampante che oggi non ne vuole sapere di fare una misera fotocopia del suo documento...
- è andata a fare benzina...
- ha tentato di prelevare un po' di contanti... ma neanche il bancomat ne vuole sapere oggi...
- è andata a pagare la mensa del suo bimbo...
- è andata a fare la fantomatica fotocopia del suo documento ed ha comprato la carta per lo sfondo del presepio...
- è andata in comune per consegnare il bollettino... era ancora chiuso... ma oggi non si arrende e lo ha consegnato ugualmente con mille scuse e ringraziamenti...
- si è diretta presso il distretto ASL nella cittadina vicino... ha ammirato il lago... che la mattina presto  ha il suo bel fascino...
- ha compilato moduli e consegnato al protocollo l'occorrente per stare a casa dal lavoro... ha chiesto anche delle informazioni... ma nessuno sa mai niente...
- è tornata al paesello... 
- è andata in biblioteca a riconsegnare  i libri... fiera che questa volta era in anticipo di 6 giorni!!! La strillata per i 2 giorni di ritardo dell'altra volta ... è servita!!! 
- ha scelto due libri per il suo bimbo rigorosamente sui dinosauri...
- è andata dai cinesi per prendere il cappello di Babbo Natale per la recita che ci sarà non si sa quando...
- è passata in farmacia per i vari raccoglitori...

Sarebbe dovuta passare a scuola a consegnare il modulo che le hanno dato all'ASL... ma la vescica a quel punto gridava vendetta!!!

Perciò... è tornata a casa... ed erano soltanto le 10.15!!!

Sono soddisfazioni!!!!

martedì 21 ottobre 2014

Il nome

Il fagioletto è maschio…

Tatina ha accolto questa gravidanza con preoccupazione… stupore… gratitudine… 
Non si aspettava più di avere una seconda possibilità… ci aveva messo una pietra sopra e si godeva il suo unico figlio… di certo non si è posta mai la domanda sul sesso… è talmente tutto così undipiù che non ha osato desiderare… quando  la dottoressa si è pronunciata… ha sorriso ed ha chiesto se stava bene… alla fine è questo quello che conta!!!

Da qualche giorno i Tatini sono entrati nel tunnel del nome… e tutta la famiglia sembra crucciarsi per questo...


Prima di addormentarsi:
Papà parliamo un po'...
Ok..
Ma che nome gli diamo al bambino che sta per nascere?

mercoledì 15 ottobre 2014

Orgogliosi di lui

Mamma lo sai che quando finisce la scuola io saprò leggere le storie? Così quando nasce il fagioletto posse leggergli i libri di storie!!!

Il nostro piccoletto va a scuola da un mese… lavora sodo… sta facendo tante cose… scrive tanto… e ora inizia a leggere… piccole parole bisillabiche  piane… talvolta rimane indietro… ma torna a casa e fa quello che deve fare senza brontolare… i compiti a casa scorrono via senza proteste… la mattina si alza sereno nonostante dormirebbe ancora per un'oretta… 

Lo sai papà…. io non vedevo l'ora di venire in questa scuola… volevo sapere com'era fatta…
C'è qualcosa che non ti piace della nuova scuola?
No… niente!!!

Mamma… oggi la maestra ci ha fatto fare cose difficilissime!!!
La maestra sa che siete bambini in gamba e vi fa fare cose per bambini grandi in gamba… dovete essere contenti!!!


E' trascorso un mese… non sappiamo come saranno i prossimi otto… ma durante questo mese ci siamo sentiti spessimo orgogliosi di lui… 

venerdì 10 ottobre 2014

Colleghe mamme

Ci sono bambini che raccontano tutto ma proprio tutto della loro esperienza scolastica… a volte anche dettagli talmente poco significativi che poi le loro mamme riportano nel gruppo di whatsapp…. appena creato…  generando il panico tra le altre mamme… del tipo "mi ha detto Filippo che la maestra dice che dobbiamo passare in segreteria a versare non so quale quota…"

premesso che la maestra ha richiesto un quadernino per gli avvisi di cui fa un giusto uso… dal momento che io mi affido molto al quadernino… e se non c'è scritto niente ritengo che non ci sia nulla da comunicarci… poi per una maggiore tranquillità... chiedo al figliolo di cui sono molto orgogliosa perché nonostante i suoi 6 anni non ancora compiuti si impegna molto e investe moltissimo in questa nuova esperienza… se lui mi conferma che la maestra non ha detto niente di particolare… a posto… leggo i commenti del gruppo con un tono canzonatorio… a volte commento a volte mi astengo perché ritengo che i folli ansiosi stanno bene tra loro…

Poi c'è l'attesa fuori da scuola all'uscita di cui sono ampiamente già stufa… troppe chiacchiere inutili… mamme che conoscono per filo e per segno tutto quello che accade all'interno dell'edificio scolastico… tanto che si permettono di etichettare il più "monello" … e io mi chiedo… come fanno? come si permettono di parlare di cose che non vivono se non dietro racconti di bambini … che spesso tra l'altro  hanno i loro punti di vista…

Sarà che mio figlio racconta poco… o forse il giusto… sarà che io non ritengo opportuno ossessionarlo di domande… sarà che lui sa che, se vuole, la sua mamma e il suo papà stanno qui per ascoltarlo… sarà che a me importa come si comporta lui e non mi metterei mai a chiedergli come si comportano gli altri… sarà … sarà… sarà.. che una serie di colleghe mamme non le sopporto proprio!!!

giovedì 9 ottobre 2014

Oggi

Oggi è il giorno della rabbia e dell'impotenza... domani passa e si inizierà a fare un passo alla volta...

Oggi è il giorno che chiami la tua amica per chiederle com'è andato l'istologico fatto 10 giorni fa... ma è una proforma... in fondo lei ti ha detto che il medico che l'ha eseguito l'ha tranquillizzata perché  quasi sicuramente è roba adiposa... e poi l'hanno preso dal seno che 8 anni fa le hanno levato... tu pensi che ha già dato ... a 31 anni ... e poi ci sono quei 5 cicli di chemio e i 5 anni di ormonoterapia finalmente terminata 2 anni fa...

La chiami ma senti che in fondo è soprattutto perché le vuoi bene e sapevi che oggi c'era questo appuntamento... niente di preoccupante insomma... invece la risposta è carcioma... 

Ti senti vuota incapace di essere conforto... non ti esce fuori una parola di sostegno... soltanto tanta rabbia e impotenza... senti che tutto quello che è successo 8 anni fa sta ricapitando alla stessa persona... alla tua amica... senti che non è giusto... ha già dato... lei ti dice che si spera non abbia abbia fatto altri danni in giro... e tu lì per lì non capisci... e poi realizzi... in fondo è cresciuto tanto in fretta che deve essere bello cattivo... ma ci sono i controlli frequenti che dovrebbero essere dalla sua... 

Domani si deciderà cosa fare... oggi è così!!!

martedì 23 settembre 2014

Amici

Amichetto di Bebè chiacchiera con la sua mamma…

Sai mamma… questa vita mi ha regalato tre cose importanti …
Quali?
La mia mamma… la mia cameretta… e Bebè!!!


E' stato qualcosa di tenerissimo… forse una delle cose più tenere che ho mai sentito in fatto di amicizia… 

Poi la mamma ha chiesto del papà e c'è stata una ritrattazione...


lunedì 15 settembre 2014

Primo giorno di scuola

Mamma sai che la bambina che era seduta accanto a me mi ha chiesto se volevamo diventare amici…
Che carina che è stata… e tu cosa le hai risposto?
Ancora non so…
Ma come? Perché?
Perché ancora ci devo pensare… ancora non la conosco...

Io l'ho sempre detto che è uno difficile!!! Mooolto selettivo…

Nella sua nuova classe ci sono 17 bambini di cui 12 maschi e 5 femmine… qualcuno lo troverà sicuramente prima o poi… ma ha bisogno di tempo… (un po' come la mamma!)

E' uscito pieno di entusiasmo con la sua coccarda… 

Ha imparato a scrivere la data… l'ha scritta su un foglio perché quando la maestra gli ha chiesto se aveva il quaderno ha risposto di no… nonostante la sua mamma si era raccomandata tanto mentre gli metteva il quaderno giallo (il suo colore preferito) dentro lo zaino… ha detto che non l'ha visto… peccato che dentro lo zaino ci fossero soltanto il quaderno e l'astuccio… 

Sarà dura … forse… o forse no!

giovedì 4 settembre 2014

In ansia

Tatina era in ansia… perché lei in fondo in tutto quello che fa ci mette sempre una buona dose di ansia… altrimenti non sarebbe lei… la solita allegrona tendenzialmente depressa… o quella che … come dice Tatino… non si riesce a godere a pieno le cose belle … perché vede sempre qualche ombra.

Tatina è incinta… ormai è ufficiale… ha fatto la visita… ha sentito il battito… ha visto che il fagiolbimbo si muoveva… perciò è incinta!!!

Tatina e Tatino hanno cercato fino a due anni fa un altro bimbo… volevano disperatamente un fratellino / sorellina per Bebè… Qualcuno ha voluto che arrivasse adesso… quando ormai non ci si pensava più… quando Bebè era un figlio unico… quando l'inserimento nel paese… ma soprattutto nella nuova scuola era ben avviato. 

Tatina è una maestra di sostegno e quando arrivò nella scuola del paesello venne accolta appioppandole il "caso" più tosto… quello che rovesciava la scuola… quello che dovevi rincorrere nel boschetto pregando che nel frattempo non arrivasse qualche cinghiale… quello che spariva e che ti prendeva un colpo… quello che urlava al cancello della scuola "voglio andare via da questa prigione"…  quello che non esitava a sputarti addosso e a mollarti qualche calcio o pugno.
Tatina è una maestra tenace e non ha mollato… il "caso" è diventato pian piano un suo bambino … l'affetto ha preso il sopravvento e pian piano le fughe sono diminuite… la prigione è diventato un luogo di confronto e di chiacchiere… gli sputi, calci e pugni si sono trasformati in esercizi fatti e tanti miglioramenti. 
Ci sono voluti due anni… che sarebbero dovuti essere consolidati dal terzo… per poi poter approdare alle scuole medie… Per Tatina era una certezza… 

Ma Tatina ora è incinta…

Ha sognato tante volte il suo bimbo nell'ultimo mese… la sua mamma… e quando si svegliava si ricordava che doveva dirglielo … e non sapeva proprio come… la cosa le metteva ansia… tanto da non godersi a pieno il suo stato! Perché diciamoci la verità … non si può smettere di essere maestra anche  se hai un altro bimbo dentro di te!

Ieri sera si è affacciata nel suo giardino a raccogliere i suoi pomodori e il suo bimbo e la sua mamma erano là che la salutavano. Era arrivato il momento. Ha detto loro la novità… le veniva da piangere… ma lei … che è una gran mamma è stata carina carina… e lui con i suoi occhioni blu sorrideva e voleva vedere Romyna… la tartaruga di cui la sua maestra gli aveva parlato… ma Romyna a quell'ora era rintanata da qualche parte… così si sono ripromessi che ci sarà una visita e magari altre… perché non hanno intenzione di perdersi di vista!

Oggi Tatina è andata a scuola un pochino più leggera… non deve nascondere la cosa per paura che la famiglia del suo bimbo venga a sapere la novità da qualcun altro … che nel paese funziona così… e che non le sembrava proprio il caso…

Oggi Tatina è andata a scuola un po' più leggera… è vero... ma poi è andata via di nuovo con l'ansia… che oltre ad essere maestra è anche mamma di un bambino che deve andare in prima … e a quanto pare la maestra che doveva essere di suo figlio... e che ha studiato e ristudiato dall'anno scorso con ottimi voti tra l'altro… ha cambiato programmi!!! Uff!!!

mercoledì 20 agosto 2014

Fratello

Mamma che cos'è?

E' un test che ci dice che molto probabilmente Dio vuole mandare un altro bimbo nella nostra famiglia…

(mano sulla fronte) … No! Adesso dobbiamo riniziare tutto da capo?!

Ah! Sì? Tu devi riniziare tutto da capo? In che senso scusa?

E già… dobbiamo riandare a Berlino perché lui non c'è mai stato… dobbiamo rivedere tutti i posti…
Dobbiamo "educarlo"… spiegargli che non si grida, che si dice "grazie" e "per favore"… insomma dobbiamo educarlo… Ma tu mamma devi andare all'ospedale?

Sì, quando dovrà nascere mamma andrà in ospedale… ma per poco… Ma tu che ne pensi del fatto che potresti diventare un fratello … un fratello maggiore?

Va bene… basta che non è monello… ma io lo educo… E se gli diciamo di no?

A chi?

A Dio… anzi no… perché poi Dio poi si arrabbia…

martedì 12 agosto 2014

Per primo

Ma chi è nato per primo? Se c'è stato un primo bambino questo bambino doveva avere per forza una mamma e un papà e allora non era il primo perché c'erano prima la sua mamma e il suo papà… perciò chi è nato per primo?
Ok… Dio ha creato tutto ma come ha fatto a creare un bambino … il primo… senza la sua mamma e il suo papà… allora non era il primo…


Le grandi domande di Bebè.